Genova il primo incontro di coordinamento con Regioni

Genoa il primo incontro di coordinamento con regioni si è concluso oggi la due giorni di tavoli tecnici e incontri “Orizzonte ITS. Sfide e opportunità degli Istituti Tecnologici Superiori” promossa dalla Associazione Rete ITS Italy. All’iniziativa hanno preso parte tecnici e assessori delle Regioni e del Ministero dell’Istruzione per rafforzare il confronto, sia a livello tecnico che a livello politico, su temi cruciali quali le modalità di stanziamento dei finanziamenti previsti dal PNRR, dai fondi strutturali europei e dai fondi ordinari, la promozione degli istituti sui territori attraverso orientamento e comunicazione.
Presenti agli incontri i rappresentanti tecnici e gli assessori di oltre dieci regioni italiane, dal Friuli Venezia Giulia alla Sicilia, e del Ministero dell’Istruzione per raccogliere e condividere best practices, esigenze e proposte degli Istituti Tecnologici Superiori. Materiali che saranno raccolti dalla Rete ITS Italy all’interno del “Documento Genova”.

Guido Torrielli, Presidente Rete ITS Italy, ha sottolineato come “L’obiettivo dell’incontro è stato sicuramente raggiunto, creando le condizioni per un dibattito tra ITS, Regioni e Ministero, fondamentale per superare le enormi sfide che sta vivendo il sistema in questo momento tra PNRR e obiettivi di crescita degli Istituti.”

L’OnFederico Mollicone, Presidente della VII Commissione della Camera dei Deputati, ha commentato: “C’è la necessità di rendere la formazione terziaria professionalizzante più attrattiva per i giovani e di arricchire l’offerta formativa. Bisogna puntare sulla valorizzazione e agevolazione dei passaggi tra ITS Academy e università. Su quest’ultima stiamo lavorando al sostegno alle discipline STEM, su cui la commissione da me presieduta ha avviato l’iter di una specifica proposta di legge. L’obiettivo sarà quello di alimentare la complessiva competitività del sistema del nostro Paese, per dare una risposta alle esigenze del tessuto produttivo dei territori e delle nuove prospettive del mondo del lavoro e dell’economia.”

L’OnIlaria Cavo, Vicepresidente della X Commissione della Camera dei Deputati, ha ricordato invece come “Così come dal capoluogo ligure è nata la “carta di Genova”, una carta sull’orientamento condivisa da tutte le regioni che già ha portato i primi frutti (per esempio la figura dell’orientatore nelle scuole), allo stesso modo oggi è stato lanciato, sempre da Genova, un segnale importante sempre da tutto il sistema formativo, per un ulteriore rafforzamento degli Its, in cui abbiamo sempre creduto. Sarà fondamentale dare continuità finanziaria alle fondazioni anche oltre l’orizzonte del Pnrr – così l’On. Ilaria Cavo, vicepresidente della commissione Attività Produttive della Camera dei deputati – Dovremo agire, tutti insieme, per fare diventare strutturale e ordinamentale il sostegno anche dopo il Pnrr, perché i corsi aggiuntivi ora finanziati possano proseguire e perché le fondazioni possano sempre più operare in un sistema di stabilità e non di precarietà. Credere negli Its significa anche questo, dare loro solidità di prospettiva, esattamente come accade per l’università. Solo così questa formazione supertecnica e specialistica sarà capita a fondo dai ragazzi e dalle loro famiglie. Riuscire a garantire classi e prospettive non significa solo dare futuro occupazionale ai giovani ma anche contribuire a ridurre il Mismatch nel nostro Paese. Mi sento di garantire, nell’attività parlamentare, l’impegno che mi è stato riconosciuto negli anni passati sul territorio. Già le audizioni avviate in commissione Attività. Produttive, in cui mi sono premurata di chiedere la presenza degli its, li ha resi protagonisti della relazione finale.”

Giuseppe Schiboni, Assessore Lavoro, Università, Scuola, Formazione, Ricerca, Merito della Regione Lazio nonché Coordinatore della Commissione Istruzione, Università e Ricerca della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome ha sottolineato: “Sono orgoglioso di aver preso parte a questo evento che ci ha consentito di effettuare un focus sulle potenzialità enormi che il sistema ITS fornisce e può offrire ai nostri ragazzi. Le Fondazioni ITS oggi sono l’unica realtà che effettua un raccordo tra il mondo del lavoro e il mondo dell’istruzione. Si tratta di un patrimonio professionalizzante che abbiamo, come istituzioni, ciascuno per il ruolo che ricopre, il dovere di valorizzare perché in loro risiede la possibilità di dare risposte al sistema Paese. Quella sul potenziamento e sulla crescita degli ITS è una partita che giocheremo in modo collegiale puntando sul confronto con tutti gli attori interessati per arrivare alla necessaria rivoluzione culturale che possa far comprendere ai ragazzi e alle loro famiglie che esiste un percorso, quello degli ITS appunto, che rappresenta un’occasione di formazione all’insegna dell’eccellenza che consente ai ragazzi di entrare nel mondo del lavoro con qualifiche altamente professionalizzanti e soddisfacenti sotto ogni punto di vista anche rispetto alle ambizioni dei nostri giovani.”

“Gli Its sono realtà di grande valore nel panorama formativo italiano e ligure. Regione Liguria li sostiene convintamente perchè forniscono agli studenti opportunità concrete di accesso nel mondo del lavoro grazie alla stretta collaborazione con il mondo delle imprese – dichiara il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti – Basti pensare che entro i sei mesi dalla fine del percorso circa l’80% dei ragazzi trova un’occupazione. Ospitare a Genova e in Liguria questo convegno è stata dunque una preziosa occasione di confronto per fare luce su queste realtà e sul loro futuro, affrontando temi concreti come l’accesso ai fondi europei, l’orientamento, il rapporto con il mondo del lavoro e la formazione. I sei ITS della Liguria sono legati ai settori trainanti e tradizionali della nostra economia, a partire dal mondo marittimo e dalla cantieristica fino al turismo, all’agroalimentare, alle nuove tecnologie, alle tecnologie dell’informazione e della comunicazione fino all’efficienza energetica, a riprova della forte connessione con il territorio nel quale sono inseriti e della loro capacità di far dialogare lavoro e studio, offrendo risposte efficaci e tempestive alle aspettative e aspirazioni degli studenti”.

“Sono molto felice per questa due giorni insieme alla Rete ITS Italy – ha dichiarato l’assessore alle Politiche scolastiche del Comune di Genova Marta Brusoni – anche perché grazie a voi ho avuto il modo di imparare molto. Come assessorato ci occupiamo dei servizi 0-6 anni e questo significa essere responsabili di piantare dei semi sperando che poi possano germogliare in adulti consapevoli. Cerchiamo di portare avanti dei progetti che comprendano tutto il sistema scolastico e in questo siamo un comune virtuoso che può contare su una Conferenza cittadina che coinvolge anche le scuole del primo ciclo affinché con continui incontri si possano progettare dei programmi comuni. Spero che anche gli Istituti tecnologici superiori abbiano il piacere di iscriversi alla conferenza. Occorre aiutare i ragazzi a orientarsi da soli”.

A conclusione dell’evento sono stati annunciati ulteriori due appuntamenti nel corso del 2023, a ottobre e a novembre, finalizzati al rafforzamento della filiera ITS.

Condividi:

Altri articoli:

Istituti tecnici,categorie felici del boom

Sfatato il mito degli studenti di serie B Commercio,industria,artigianatoe sindacati plaudono.«Ma serve più formazione post di ploma» Torrielli(ReteIts):«Nelle Academy un terzo degli iscritti arrivati dai

Fiducia nella riforma e iscritti its raddoppiati

Guido Torrielli, presidente di Its Italy, l’associazione nazionale che rappresenta le fondazioni territoriali
«Sperimentazione corretta, coerente con il modello europeo. Ora la sfida è affidare i lavori entro il 29 febbraio»

Con la riforma valorizzati gli Its

«Con la riforma
valorizzati gli Its»
Guido Torrielli è il presidente nazionale degli istituti tecnici superiori.
«Adesso anche il nostro può essere considerato un sistema duale»

Skip to content