Its day

Digital e green, l’ITS spiega agli studenti le opportunità nel settore agroalimentare di Teramo 

Nel corso dell’ITS Day studenti e aziende a confronto sugli sbocchi dei nuovi percorsi  formativi

Le opportunità del digital e delle politiche green nel settore agroalimentare abruzzese sono state il tema centrale dell’ITS Day, una giornata promossa dall’Istituto Tecnico Superiore per l’Agroalimentare di Teramo che, dopo i saluti del Sindaco della Città, Gianguido D’Alberto, ha messo insieme aziende abruzzesi, studenti delle scuole superiori abruzzesi – erano presenti l’Istituto Zoli di Atri, il Di Poppa-Rozzi di Teramo e l’Istituto Arrigo Serpieri di Avezzano e le sedi coordinate di Castel di Sangro e Pratola Peligna – e docenti dei corsi, per presentare l’offerta formativa dell’ITS, ma anche per aprire una finestra sulle opportunità professionali e sugli sbocchi che provengono dal tessuto produttivo teramano. 

“Con la testimonianza dei nostri studenti diplomati – spiega il presidente ITS Enrica Salvatore – e di imprenditori sensibili alle tematiche dell’innovazione e della sostenibilità, abbiamo presentato il nostro biennio 2022-2024 e il progetto “I 5 sensi del Made in Italy” che la Fondazione Tercas ha sostenuto proprio nell’ottica di fornire ai “diplomandi” una bussola sulle figure tecniche che le aziende del territorio stanno cercando in un’ottica di economia circolare. In special modo – prosegue il presente Salvatore – si cercano figure specializzate nel superamento del divario digitale e che abbiano confidenza con le tecnologie 4.0 vista la crescita esponenziale per il commercio del food attraverso le piattaforme on line, ma si cercano anche tecnici specializzati in forme di produzione e confezionamento ecosostenibili. Con il contributo degli imprenditori di Faraone Vini, Frantoio Tini, Scuppoz Liquori, della Cooperativa Ekoe e del presidente del Consorzio di Tutela Vini Colline Teramane, Enrico Cerulli Irelli, abbiamo indicato ai ragazzi la direzione e i percorsi ITS che trovano sbocco nelle aziende del territorio. Lo abbiamo fatto – conclude Enrica Salvatore – nella consapevolezza che è importante preservare le nostre peculiarità ma al tempo stesso anche formare e trattenere qui in Abruzzo quei ragazzi che possono essere i custodi delle nostre eccellenze, ma anche i traghettatori dei nostri prodotti su palcoscenici competitivi in futuro”. 

Le aziende del territorio hanno dimostrato di credere e scommettere nella preparazione tecnica fornita dall’ITS Agroalimentare, e queste occasioni di confronto con gli studenti, servono proprio a diffondere questa consapevolezza nei ragazzi a fine anno scolastico, momento cruciale ai fini dell’individuazione del percorso formativo e professionale del futuro.

Condividi:

Altri articoli: