Pomodoro al centro all’ITS Tech&Food Academy

In ITS Tech&Food Academy gli studenti di Food Development hanno preso parte a una giornata dedicata alla filiera del pomodoro tra lezioni e degustazioni di prodotto a cura di Asipo e Greci.

 

Parma, 19 dicembre 2023 – L’ITS Tech&Food Academy ha ospitato una giornata speciale di lezioni, dedicata interamente al pomodoro, dalla coltivazione fino alla degustazione del prodotto finito, grazie alla collaborazione con ASIPO – Associazione Interprovinciale Produttori Ortofrutticoli Società Agricola Cooperativa e Greci Industria Alimentare spa che hanno portato in aula i loro esperti come docenti d’eccezione.

 

Gli studenti del 2° anno di Food Development, corso della Sede Didattica di Parma fortemente improntato allo sviluppo di nuove tecnologie alimentari, hanno quindi potuto immergersi a tutto tondo nella filiera del pomodoro, affrontando alcune tematiche oggi di grande interesse per le aziende di settore, come la sostenibilità delle produzioni, la valorizzazione dei sottoprodotti e la circolarità delle risorse, per poi concludere la giornata di lezioni con una degustazione guidata di vari prodotti conservieri.

 

Grazia Leone, Coordinatrice del corso Food Developement di ITS Tech&Food Academy evidenzia che «la collaborazione con organizzazioni, industrie e aziende agroalimentari del territorio, in questo caso con importanti realtà della filiera del pomodoro, rappresenta un grandissimo valore aggiunto per i corsi ITS Tech&Food Academy che permette agli studenti di fare conoscenza diretta delle dinamiche, delle sfide e delle novità di settore. Ringraziamo ASIPO e Greci per la partnership che ha permesso di portare in aula una testimonianza dell’industria conserviera e del suo futuro».

 

LE LEZIONI – Partendo dalla coltura del pomodoro e dalle tecniche di coltivazione, gli esperti di ASIPO hanno posto l’accento sull’agricoltura 4.0 e sulla transizione delle aziende di settore in questa direzione, per poi concentrarsi sui vari aspetti della filiera produttiva dell’industria conserviera che coinvolgono il pomodoro fresco e trasformato. Le lezioni sono state condotte da Michele Bertoli, Direttore Generale, Davide Previati, Responsabile Servizio Tecnico e Nicola Bertazzoli, Responsabile Certificazioni dei Sistemi di Qualità di ASIPO.

 

«Partecipare e contribuire alla crescita delle nuove generazioni – commenta il Direttore Generale Michele Bertoli – rappresenta per noi un dovere e un onore. Siamo entusiasti di aver potuto apportare il nostro contributo alla fondazione ITS Tech&Food Academy al fine di per poter raccontare la filiera del pomodoro e focalizzare le minacce ambientali più importanti che dovremo affrontare nei prossimi anni. Il cambiamento climatico, il Green Deal europeo sono le principali sfide che ci coinvolgono direttamente e la possibilità di avere figure tecniche specializzate con competenze e conoscenze tecnologiche mirate al nostro settore sarà un importante tassello per affrontare questo cambiamento. Abbiamo sentito la responsabilità ed avuto il piacere di portare la nostra voce all’interno delle aule a favore oggi dell’ITS domani di tutta la nostra comunità agricola e il nostro territorio».

 

Grazie alla partecipazione dell’industria Greci Industria Alimentare Spa, è stato possibile fare un focus sulla parte di filiera più “a valle”: dall’ingresso della materia prima in stabilimento, alla realizzazione di due derivati di pomodoro: una polpa classica (estruso) e una Polpa fine, ottenute grazie a due differenti processi industriali illustrati agli studenti.

 

La giornata si è poi conclusa con un assaggio guidato dagli esperti Emanuela Bigoni, Brand manager ed Enzo Vergine Programmazione produzione di Greci Industria Alimentare, per mostrare agli studenti le metodiche, impiegate abitualmente, per la valutazione organolettica di questi prodotti.

 

DIDATTICA ESPERIENZIALE – «Questa giornata di lezioni e degustazione – evidenzia la Coordinatrice ITS Tech&Food Academy Grazia Leone – è stata molto importante per i nostri studenti del corso di Parma, specie per la rilevanza che tale filiera ricopre nel territorio parmense, della Food Valley e non solo».

 

La didattica esperienziale “learning by doing” rappresenta, infatti, uno dei pilastri su cui si fonda la formazione in ITS Tech&Food Academy, che da l’opportunità ai propri studenti, tramite laboratorivisite e molte altre attività, di mettere in pratica fin da subito le materie studiate e diventare Tecnici altamente specializzati per l’industria agroalimentare, pronti ad entrare subito in azienda e capaci di cogliere le sfide che stanno attraversando il sistema del food e il mercato del lavoro (in particolare la transizione digitalel’innovazione sostenibile e la capacità di riposta ad una realtà in continuo mutamento).

 

 

Condividi:

Altri articoli:

Istituti tecnici,categorie felici del boom

Sfatato il mito degli studenti di serie B Commercio,industria,artigianatoe sindacati plaudono.«Ma serve più formazione post di ploma» Torrielli(ReteIts):«Nelle Academy un terzo degli iscritti arrivati dai

Fiducia nella riforma e iscritti its raddoppiati

Guido Torrielli, presidente di Its Italy, l’associazione nazionale che rappresenta le fondazioni territoriali
«Sperimentazione corretta, coerente con il modello europeo. Ora la sfida è affidare i lavori entro il 29 febbraio»

Con la riforma valorizzati gli Its

«Con la riforma
valorizzati gli Its»
Guido Torrielli è il presidente nazionale degli istituti tecnici superiori.
«Adesso anche il nostro può essere considerato un sistema duale»

Skip to content